Telespazio, il prefetto di Matera Pizzi ha ricevuto i sindacati

satellite-67718_1280

In occasione dello sciopero di ieri dei lavoratori delle aziende del gruppo Telespazio una delegazione dei lavoratori e-Geos con Cgil Cisl Uil e le categorie Fim e Fiom è stata ricevuta dal prefetto di Matera, Luigi Pizzi. La delegazione ha espresso tutte le proprie perplessità e paure per il futuro dei lavoratori di e-Geos e Telespazio a fronte di un mancato rifinanziamento del comparto spaziale da parte del governo che mette in crisi l’intera filiera coinvolgendo Thales Alenia Space, Telespazio, e-Geos e tutte le aziende dei relativi indotti che si sono sviluppati negli anni. Il Prefetto di Matera, riferiscono fonti sindacali, si è impegnato a far pervenire al governo centrale una nota dell’incontro avvenuto con le richieste ricevute da parte dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali. Fim e Fiom vigileranno attentamente sulla questione e si riservano di mettere in campo altre azioni di protesta.

Intanto sulla vicenda è intervenuta con una nota anche la Fim Cisl nazionale a margine dell’incontro che si è tenuto, sempre ieri, al ministero dello Sviluppo economico con il sottosegretario Claudio De Vincenti. Per la Fim Cisl “la legge di stabilità che si sta discutendo in parlamento non prevede l’accantonamento dei fondi per dare continuità nel 2015 ai contratti già firmati con le aziende del settore spazio del nostro paese. Dopo aver concordato nel mese di luglio scorso un accordo per il proseguimento del programma Cosmo Skymed di seconda generazione, si rischia la paralisi delle attività se non saranno onerati gli impegni finanziari”.

Nell’incontro al Mise sono stati illustrati i gravi rischi che un’interruzione delle attività porterebbero al sistema paese e si è concordato di sensibilizzare tutti gli schieramenti politici parlamentari affinché venga predisposto un emendamento alla legge di stabilità in discussione al Senato che consenta di superare la grave situazione. Durante la discussione al Senato il sottosegretario De Vincenti ha dato disponibilità a mantenere informate le organizzazioni sindacali sullo stato di avanzamento della problematica con l’intendimento di risolvere la situazione.