Fca, con il nuovo sistema salariale riprende confronto sul contratto

DSCN2069-620x400Nella giornata di oggi Fca e sindacati hanno sottoscritto un verbale di riunione volto a vincolare le disponibilità salariali ottenute con il confronto avuto con l’ad Marchionne. Lo ha reso noto in serata il segretario nazionale della Fim Cisl, Ferdinando Uliano, precisando che la disponibilità economica messa in campo da Fca ha riaperto il negoziato che si era interrotto nel mese di dicembre. Il nuovo sistema salariale prevede due bonus: il primo collegato al recupero di efficienza di stabilimento quantificabile in media ad un cifra variabile tra 1.100 e 1.584 euro, corrispondenti ad un incremento dal 5 al 7,2%, che verrà erogato di norma il primo mese di gennaio dell’anno successivo; il secondo bonus prevede un’erogazione al raggiungimento degli obiettivi di redditività di Fca paria a 330 euro fissi all’anno, con la prima erogazione trimestrale nel mese di maggio, cui si aggiungerà un’erogazione al raggiungimento dell’obiettivo pari a 1.320 euro, fino ad un massimo di 3.080 euro, che rappresentano un incremento della retribuzione fino al 20% del salario sul bonus di redditività.

Complessivamente, sui due premi, parliamo di un aumento salariale nel quadriennio pari a 7.040 euro (8% salario base) fino ad un massimo di 10.736 euro (12, 20% salario base). “Il sistema premiante che verrà definito – ha spiegato Uliano – consentirà di erogare incrementi salariali superiori ai tassi d’inflazione e nello stesso tempo sarà anche possibile individuare elementi di incremento della paga base con effetti positivi su tutti gli istituti. Questo sistema premiante non avrà elementi di riduzione rispetto all’assenteismo. Per quanto riguarda Cnhi e Magneti Marelli c’è un impegno a costruire un simile sistema”. Il negoziato riprenderà il 6 maggio, sempre all’Unione industriali di Torino, sia per le parti normative che per quelle economiche.