Fca, fiducia nel futuro ma politica locale deve fare di più

Si è tenuto questa mattina a Melfi l’attivo dei delegati sindacali dello stabilimento Fca della Fim Cisl per fare il punto della situazione a pochi giorni dalla ripresa produttiva. Ad aprire i lavori, alla presenza del coordinatore nazionale di gruppo Raffaele Apetino, è stato il segretario generale Gerardo Evangelista che si è detto fiducioso per il futuro della fabbrica lucana e ha rivendicato un ruolo più attivo delle istituzioni locali su politiche industriali, trasporti e innovazione. “Il nuovo piano industriale – ha spiegato il sindacalista – è un segnale di svolta rispetto alle incertezze del passato e ribadisce la mission globale di Melfi con un investimento importante che prevede un nuovo modello di fascia media e nuove motorizzazioni evolute per i modelli attualmente in produzione. È la strada giusta ma va gestita con attenzione la fase di passaggio che dovrà essere la più breve possibile”.

Sul ricorso ai contratti di solidarietà Evangelista ha detto che “è stata una scelta di solidarietà per non concentrare gli oneri su pochi lavoratori. La risposta dei lavoratori è stata positiva perché c’è la consapevolezza che le sfide si vincono meglio insieme”. Sotto la lente del sindacato anche la situazione produttiva e occupazionale dell’indotto, con particolare attenzione alla questione della stabilizzazione degli interinali. “Stiamo lavorando per continuare il piano di stabilizzazioni e dare una prospettiva più serena a tanti giovani che hanno trovato nella loro terra un’opportunità concreta di lavoro e di futuro”.

Infine, in vista delle prossime elezioni regionali, il segretario della Fim Cisl lucana ha detto che “serve uno scatto e un riscatto della politica che su politiche industriali, ricerca, innovazione e formazione deve fare molto di più. Siamo l’unica regione a non avere un corso di istruzione tecnica superiore collegata al mondo produttivo. Si tratta di un handicap grave – ha concluso Evangelista – nel momento in cui il resto del paese si muove sui binari dell’industria 4.0”.

Tweet about this on TwitterShare on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Pin on Pinterest0Email this to someone